Lavorare come cuoco: formazione e prospettive

Categoria: Blog 

Un lavoro che richiede preparazione, impegno e determinazione, ma che può regalare enormi soddisfazioni. Lavorare come cuoco, avendo anche l’opportunità di specializzarsi in panificazione e pasticceria, è un sogno che può diventare realtà grazie al giusto corso. Riconosciuto a livello europeo e con insegnanti d’eccellenza.

Come diventare cuoco

Una professione ambita e molto richiesta, sia in Italia che all’estero. Lavorare come cuoco professionista in un ristorante stellato, associare il proprio nome a un locale di prestigio, viaggiare per il mondo lasciando testimonianza del proprio concetto di cucina sono tra i desideri più comuni tra chi decide di intraprendere questo percorso professionale. Ma cosa serve per lavorare come cuoco?

Passione e determinazione non devono mancare. Ma da sole non bastano: è necessario formarsi, in modo da apprendere tutte le tecniche necessarie per preparare piatti in maniera perfetta. Seguendo regole, principi corretti e imparando a usare le giuste attrezzature. Un cuoco deve inoltre conoscere a fondo le materie prime, saperle accostare e miscelare. Fare in modo di dare vita a delle ricette tradizionali o innovative sempre rispettando ed esaltando gli ingredienti.

Uno chef si occupa degli approvvigionamenti, sceglie i fornitori, stabilisce i prezzi dei piatti, è responsabile della pulizia e dell’igiene della cucina, coordina la sua brigata. Una buona cultura di base e la capacità di saper gestire le risorse umane ed economiche di un’attività commerciale completano il quadro.

La teoria per un cuoco è fondamentale, così come la pratica. Fare tirocini o stage, dedicarsi a esperienze lavorative che possano far crescere e sviluppare non solo l’aspetto operativo in cucina, ma anche quello gestionale e organizzativo, sono assolutamente indispensabili per lavorare come chef professionista.

Il percorso formativo può iniziare fin da giovanissimi, scegliendo di diplomarsi presso un istituto alberghiero. Ma può essere intrapreso anche successivamente, a seconda dei propri obiettivi: trovare il proprio posto all’interno del mondo del lavoro, specializzarsi, raffinare le proprie tecniche o anche cambiare totalmente vita.

Gli sbocchi professionali

Decidere di lavorare come cuoco può dare molteplici sbocchi lavorativi. Un cuoco professionista è responsabile della cucina ma anche del menù ed è il punto di riferimento di tutto lo staff. Questa figura è richiesta in tutti i posti in cui si serve cibo: ristoranti, hotel, mense, locali di diverso tipo, ma anche sulle navi da crociera, nei villaggi turistici, nelle imprese che si occupano di catering e banqueting.

Ci sono poi diversi gradi e ambiti di specializzazione. Dalle trattorie, osterie e i bar con tavola calda, ai ristoranti stellati o focalizzati su alcuni tipi o concetti di cucina. Si può lavorare come cuoco nell’alta ristorazione, aprire una propria attività, oppure diventare cuoco pizzaiolo o cuoco pasticcere aggiungendo un’ulteriore specializzazione alla propria preparazione.

Il lavoro in cucina è sicuramente duro. Caratterizzato da ritmi elevati e a volte anche stressanti, richiede molto sia da un punto di vista fisico che mentale. Ma può dare la grandissima opportunità di esprimere se stessi, la propria creatività e il proprio talento attraverso il cibo. Rendendo felici e soddisfatti anche gli altri.

La nostra scuola

La nostra scuola ReD Academy è nata nel 2011 proprio per mettere a disposizione di tutti un know-how di oltre sessant’anni di attività, come abbiamo raccontato a Virtù Quotidiane, il magazine che ci ha dedicato un articolo. Offriamo infatti corsi professionali specifici che possono essere frequentati da chi ha già esperienza alle spalle, da imprenditori ma anche da appassionati che vogliono seguire i propri desideri, cercando nuove possibilità nel mondo della ristorazione. Sono disponibili inoltre anche corsi per principianti e corsi amatoriali di un giorno, che si svolgono tutti nelle nostre cucine professionali.

Momento del corso chef professionista

I docenti sono dei veri e propri specialisti nelle materie di insegnamento: campioni del mondo, chef, pasticceri e panificatori. Ma anche esperti in gastronomia e alimentazione per trasmettere nozioni, competenze ed esperienza sul campo.

Il corso cuoco professionista, articolato in 191 ore di lezioni teoriche, 329 ore di lezioni pratiche e 280 di stage formativo, per un totale di 800 ore, è stato creato proprio per chi vuole affermarsi in questo settore. Dall’aula direttamente al mondo del lavoro.

Il corso pasticcere professionale ha una durata di 400 ore- suddivise in 130 ore di lezioni teoriche, 150 di pratiche e 120 di stage formativo- ed è rivolto a chiunque voglia specializzarsi nella pasticceria.

Inoltre è possibile seguire il corso per operatore di cucina, con l’obiettivo di lavorare come aiuto cuoco, e il corso per panificatore e pastaio, per diventare un professionista nel mondo della pasta e del pane. Entrambi sono di 400 ore.

classe corso cuoco professionale

Associare agli incontri in aula anche delle esercitazioni pratiche permette di avvicinarsi in modo concreto alla realtà di una cucina o di un laboratorio, imparando a gestire le diverse situazioni che potrebbero presentarsi. Alla fine dei corsi professionali viene rilasciato un attestato riconosciuto a livello europeo, oltre che dal Ministero del Lavoro.

Potrebbe interessarti anche:

Nicola Fossaceca e la sua cucina stellata di pesce

I docenti di ReD: Emmanuele Forcone, campione del mondo di pasticceria 2015